Scrivere per:

Che lingua parli? Parliamone.
Neologismi, vocaboli ed espressioni più o meno creative, modi di dire, termini mutuati dalle lingue straniere, recuperi dal passato, gerghi di settore. Dove sta andando la lingua italiana? Quale italiano parliamo oggi? In questa sezione trovate una rassegna stampa sempre aggiornata, con gli articoli di chi studia la nostra lingua e la sua continua evoluzione. Per capirne qualcosa di più.
Italiano addio sconfitto in Europa
Il Corriere della Sera, di Di Stefano Paolo, 18/02/2005

Sabatini: «A Bruxelles i nostri politici non difendono il prestigio della lingua»
LA DENUNCIA Il presidente dell' Accademia della Crusca: è un colpo di mano amministrativo, ci hanno cancellato dalle conferenze dell' Unione

Il sospetto è che il presidente dell' Unione Europea, José Manuel Barroso, non ami l'Italia. La notizia è che il suo portavoce-capo, la francese Françoise Le Bail, ha cancellato la lingua italiana da tutte le conferenze-stampa dei commissari, ad eccezione di quelle che si tengono il mercoledì, unico giorno in cui è garantita la traduzione delle principali lingue dell'Ue. Dunque, l'italiano esce dal gruppo ristretto delle lingue stabili dell' Unione, al quale appartengono l' inglese, il francese e il tedesco.

Quanto basta per mandare su tutte le furie il presidente dell'Accademia della Crusca, Francesco Sabatini, il quale alla difesa della nostra lingua anche nelle sedi istituzionali si dedica anima e corpo da anni. Professore, che significato ha questa decisione? «Se è così, significa che il prestigio della nostra lingua è molto diminuito. Fino a qualche anno fa la conoscenza dell'italiano presso il pubblico colto europeo era maggiore rispetto al tedesco e allo spagnolo. Oggi purtroppo non è più così». Che cos' è successo negli ultimi anni? «È successo che il valore e l' importanza della nostra lingua non sono stati abbastanza difesi nelle sedi istituzionali». Dai politici? Dal governo? Dai nostri rappresentanti in Europa? «I politici non hanno fatto nulla per difendere in Europa il ruolo dell'italiano. Il ministro competente è Gianfranco Fini, il ministro degli Esteri. Vorrei chiedergli: dov'è finito il nazionalista di An? Gli sbandieramenti generici dell'italiano non bastano». Ma perché l'italiano dovrebbe essere privilegiato rispetto alle lingue degli altri Paesi: lo sloveno, il danese, il portoghese, il ceco, l'ungherese, il finlandese eccetera? «Intanto, l'italiano è la lingua di uno dei paesi fondatori, il nostro Paese è stato a lungo il più popoloso dell' Unione, e ora si è fatto scippare la propria lingua come nulla fosse... Fino a due o tre anni fa la nostra lingua era affiancata al tedesco come lingua più studiata fuori dal paese d' origine». Oggi la popolazione europea che parla l'italiano come lingua straniera è il 2 per cento, la metà rispetto allo spagnolo. Dunque? «Un fatto del genere lo fa regredire ancora di più. Io sostengo questo: le lingue dell'Ue sono 20? Bene, manca una politica ufficiale dell' Unione sul problema linguistico complessivo e così si va avanti per vie di fatto che sono dei colpi di mano amministrativi. Invece bisognerebbe decidere una volta per tutte con un programma definito democraticamente e insomma con una politica linguistica vera e propria». Che non esiste? «C'è una Federazione europea delle istituzioni linguistiche, fondata a Stoccolma nel '93, che raccoglie tutte le accademie scientifiche, come la Crusca. Questa Federazione ha dichiarato la necessità di una politica dell'Unione: si è parlato di possibili compensi alle lingue che non vengono usate nelle istituzioni». Che tipo di compensi? «Per esempio finanziare l'insegnamento di queste lingue, sostenere le traduzioni per questi paesi, eccetera. Insomma, intraprendere tutta una serie di iniziative per aiutare quegli idiomi che non godono del privilegio di un uso istituzionale nei lavori dell'Unione. Se questo non si realizza, è una violazione dei diritti della carta europea dove si parla di pari dignità anche sul piano linguistico». Ma non si può certo pretendere che tutti i Paesi siano rappresentati con le loro lingue in sala stampa. Non crede che sarebbe un po' eccessivo? «È vero, se bisogna restringere per motivi economici, è necessario mettere in atto quei compensi di cui dicevo oppure stabilire dei turni che favoriscano ora questa ora quella lingua. Tanto ci sono sempre i traduttori. Queste però non sono decisioni che spettano al direttore di un ufficio ma al Parlamento». Questa decisione sulla lingua italiana va di pari passo con la perdita di prestigio politico del nostro Paese? Ha ragione Chirac? «Indubbiamente sì. Il prestigio di una lingua dipende dalla considerazione politica, culturale ed economica del Paese. Se si elimina l'italiano dai comunicati stampa, non è tanto per motivi finanziari, ma è perché si vuole affermare la superiorità di altri Paesi. La politica linguistica ha conseguenze sui rapporti commerciali e sul mondo produttivo: non è detto che un mobiliere della Brianza abbia a disposizione un traduttore per parlare con un'azienda tedesca...». Altre conseguenze sul piano pratico? «Sul piano pratico, questa decisione significa che la circolazione di informazioni non avverrà più nella nostra lingua, che l'insegnamento dell'italiano in generale sarà indebolito e che i giornalisti italiani nell'Unione saranno molto meno richiesti rispetto a quelli tedeschi o francesi. Senza dire che anche molti commissari avrebbero deciso di escludere i portavoce italiani». L'Accademia della Crusca ha già protestato in altre occasioni per casi simili? «L'anno scorso protestammo perché certi bandi di concorso europei non nominavano l'italiano come lingua straniera da far valere per essere assunti. Ricordo che in quell' occasione mi mandarono il testo di un concorso scritto in un italiano pieno di errori: su quel testo un candidato italiano avrebbe dovuto svolgere la sua prova per essere assunto come impiegato della Ue. Ciò significa che i nostri candidati erano sfavoriti in partenza e che nella commissione non c'era un solo italiano... Allora, io sono d' accordo che chiunque debba conoscere l'inglese, ma non è giusto che si selezionino politici, funzionari e impiegati sulla base dell' inglese». Ma non basta la presenza di buoni traduttori per ogni lingua? «Si è calcolato che i traduttori dell'Unione costano circa due euro a ogni cittadino europeo. Allora io dico: si finanzino traduttori in modo tale che l'italiano venga tradotto in finlandese, in cipriota e domani in turco e viceversa. Ma non si agisca sottobanco». Questo modo di agire sottobanco è una novità? «Un passo alla volta, è un fenomeno strisciante. Ma la colpa tipica dei politici italiani, e non da oggi, è trascurare la questione linguistica: un po' perché sono assenti alle riunioni, un po' perché sono incompetenti, un po' perché la faccenda viene sottovalutata, e nessuno ne fa una vera questione politica di principio». L'ELISEO Ha ragione il presidente Chirac: il Belpaese ha perso il suo peso politico e culturale LA FARNESINA Il ministro degli Esteri Fini non ci ha protetto: ma dov'è finito il nazionalista di An?

 

Torna all'indice



Sito creato da manuscritto.it 2002 - Tutti i diritti riservati.