Scrivere per:
 
Abbreviazioni
agg. = aggettivo
f. = femminile
inv. = invariato
intr. = intransitivo
inter. = interiezione
loc. = locuzione
m. = maschile
p. pass. = participio passato
pl. = plurale
pron. = pronome
s. = sostantivo
V. = verbo
Cerca nel parolario in ordine alfabetico:
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
<<Pagina iniziale

Paciugo [s. m.]
Persona molto gentile e con cui si ha un stretto rapporto di amicizia
Derivazione: Emilia-Romagna. Ambito d'uso: gergo giovanile
Paglia [s. f.]
Sigaretta.
Ambito d'uso: gergale.
Paglione [s. m.]
Caos.
Derivazione: Emilia-Romagna. Ambito d'uso: regionale/popolare.
Palestrato [s. m. e agg.]
Che cura il proprio corpo frequentando con regolarità la palestra.
Ambito d'uso: lingua comune.
Pallonaro [agg.]
Persona tendenzialmente portata a raccontare delle frottole; bugiardo.
Ambito d'uso: popolare.
Palo [s. m.]
Un milione di vecchie lire.
Ambito d'uso: popolare.
Panettone [s. m.]
Grosso paracarro di cemento, usato per impedire l'accesso degli autoveicoli a zone destinate ai pedoni.
Ambito d'uso: lingua comune.
Papa-boy [loc. s.le m.]
Giovane che partecipa ai grandi raduni cattolici intorno al Papa.
Ambito d'uso: lingua comune.
Papamobile [s. f.]
Automobile appositamente progettata e realizzata per i brevi spostamenti compiuti dal Papa.

Ambito d'uso: lingua comune.
Par condicio [loc. s.le f.]
Esistenza di pari condizioni nell'accesso ai mezzi di comunicazione di massa per tutti i movimenti che partecipano alle competizioni elettorali.
Derivazione: latino. Ambito d'uso: lingua comune.
Parental control [loc. s.le m.]
Codice di controllo familiare, sistema di blocco elettronico ideato per impedire ai minori la visione di trasmissioni televisive a pagamento non ritenute idonee dai genitori; anche, programma informatico, opportunamente impostato dai genitori, che impedisce l'accesso a siti web di contenuto sconsigliato ai minori.
Derivazione: inglese. Ambito d'uso: lingua comune.
Pashmina [s. f.]
Filato di lana pregiato e molto raro; sciarpa o scialle confezionato con tale filato o anche in seta.
Derivazione: persiano. Ambito d'uso: lingua comune.
Pay per view [loc. s.le f.]
Emittente televisiva alla quale il telespettatore paga un prezzo solo per i programmi effettivamente visti
Derivazione: indiano. Ambito d'uso: lingua comune.
Penna [s. f.]
Bella ragazza.
Derivazione: Emilia-Romagna. Ambito d'uso: regionale/popolare.
Performare [v.]
In economia, rendere bene, offrire una buona prestazione.
Derivazione: inglese ("to perform"). Ambito d'uso: economia.
Personal trainer [loc. s.le m.]
Preparatore atletico che cura in modo personalizzato, e generalmente a domicilio, la condizione fisica di un personaggio famoso.
Derivazione: inglese. Ambito d'uso: lingua comune.
Pettinare [v.]
Sgridare violentemente.
Ambito d'uso: popolare.
Pezza [s. f.]
Discorso lungo e noioso. Si usa in espressioni come: Mi ha attaccato una pezza incredibile! Non sapevo più come farlo tacere!
Ambito d'uso: gergo giovanile.
Piacione [agg.]
Che vuole piacere a tutti i costi, accattivante, caratterizzato dalla gradevolezza esteriore; anche, con tono ammiccante, relativo a Francesco Rutelli, già sindaco di Roma, soprannominato Piacione.
Derivazione: romanesco. Ambito d'uso: popolare.
Piercing [s. m.]
La pratica di ornare il corpo con gioielli infilati nella carne.
Derivazione: inglese. Ambito d'uso: lingua comune.
Pillolo [s. m.]
Farmaco anticoncezionale maschile.
Ambito d'uso: lingua comune.
Pixel [s. m.]
È un singolo punto di un’immagine grafica. Il numero di bit usati per rappresentare ciascun pixel determina quanti colori o tonalità di grigio possono essere mostrati. Per esempio, un monitor che utilizza 8 bit per descrivere ciascun pixel può mostrare le immagini a 256 livelli di grigio od a 256 colori. Windows adotta internamente la visualizzazione a 24 bit, cioè 8 bit per ciascuno dei colori fondamentali Rosso, Verde e Blu o (RGB Red, Green, Blue): in questo modo è possibile avere sino a 16.777.216 colori (256 x 256 x 256).
Derivazione: inglese. Ambito d'uso: gergo informatico
Politicamente corretto [loc. agg.]
Rispettoso delle minoranze o dei gruppi sociali tradizionalmente deboli
Derivazione: inglese ("politically correct"). Ambito d'uso: lingua comune.
Polleggio [s. m.]
Situazione di calma e relax.
Es. Com'è bello starsene in polleggio!
Derivazione: Emilia-Romagna. Ambito d'uso: regionale/popolare.
Portale [s. m.]
Un portale è un sito web che raccoglie numerosi altri siti e destinato a servire da punto d’ingresso su Internet ed a generare un traffico massimo. Oltre a certi portali "generalisti" (denominati motori di ricerca), si sviluppano dei portali tematici, la cui vocazione è sintetizzare le risposte ai bisogni dei visitatori interessati ad un certo tema o appartenenti a una data comunità. Altra categoria nascenteè il portale d'impresa. Le caratteristiche comuni a tutti questi portali sono i servizi complementari più o meno estesi, in breve tutto per fidelizzare il visitatore.
Derivazione: inglese ("portal"). Ambito d'uso: gergo informatico > lingua comune.
Posse [s. m.]
Tribù culturale. Termine usato nel reggae e anche nell'hip-hop. La posse è la comunità culturale e di comunicazione della città o della zona (per esempio: la "Roma Posse" dovrebbe essere il raggruppamento di tutti i gruppi, musicisti, d.j., graffitisti della zona di Roma). Oggi questo termine viene usato per denominare singoli gruppi, spesso rap e ragamuffin.
Ambito d'uso: gergogiovanile.
Posta prioritaria [loc. s.le f.]
Servizio di inoltro rapido delle lettere che garantisce la consegna entro il giorno lavorativo successivo a quello di spedizione.
Ambito d'uso: lingua comune.
Postare [v. tr.]
Inserire un messaggio in un'area pubblica su Internet.
Es. Ho appena postato la risposta alla tua domanda in UNIX.ITA sui thread... Leggila e dimmi se ti funziona." Notare che non esiste un verbo apposito per mandare messaggi privati, ma si devono usare circonlocuzioni tipo "mandare un mail".
Derivazione: inglese. Ambito d'uso: gergo di Internet.
Preserale [agg.]
Programmazione televisiva compresa nella fascia oraria che precede il telegiornale della sera; relativo a quella fascia oraria.
Ambito d'uso: lingua comune.
Punkabbestia [s. m. e f. e agg. inv.]
Giovane che si distingue per i suoi atteggiamenti anticonvenzionali e vive nelle strade in compagnia di uno o più cani.
Ambito d'uso: gergo giovanile.
Pusher [s. m.]
Spacciatore
Derivazione: inglese. Ambito d'uso: gergo giovanile.
Push-up [loc. m. e agg. inv.]
Reggiseno ideato per sostenere il seno, facendone apparire più consistente il volume; con riferimento a tessuti elasticizzati, che sorregge, che sostiene.
Derivazione: inglese. Ambito d'uso: lingua comune.


Sito creato da manuscritto.it 2002 - Tutti i diritti riservati.