Scrivere per:
ridere > risate d'autore

Le migliori battute di chi ci fa ridere per professione e per passione.


Pagina
1 | 2 | 3 | 4

Autori vari

Woody Allen


Alessandro Bergonzoni

Totò

Groucho Marx

Luciana Littizzetto

Marcello Marchesi

Beppe Grillo
Scarica il PDF

Antonio Albanese

Flavio Oreglio

Sconsolata (da Zelig)


Pagina
1 | 2 | 3 | 4

 

Autori vari

REFERENDUM ABROGATIVI
I referendum abrogativi. Dove per dire sì devi votare no. E per dire no devi votare sì. Come uno che va a sposarsi e il prete dice: "La vuoi mandare a cagare?" "No." "E allora vi dichiaro marito e moglie".
(Beppe Grillo)

LIBRI
Un libro senza indice non si puo' mettere le dita nel naso.
(I Fichi d'India)

IL BENE CONTESO

Tutti vogliono il vostro bene. Non fatevelo prendere.
(Stanislaw J. Lec)

MAMMA E FIGLIO
"Sono nata col parto indolore, mamma?".
"Sì. Ne approfitto per ricordarti che è l'unica soddisfazione che mi hai dato, a tutt'oggi".
(Altan)

LE ORIGINI
Può darsi che anticamente l’omo avesse più organi sessuali: tre piselli, da cui la famosa frase “Che cazzo vuoi?”
(Roberto Benigni)

Perché si chiama Democrazia cristiana? Perché vogliono fare i furbi. Democrazia va bene, ma cristiana. Perché? Come se io, per prendere i voti degli elettricisti, mi chiamassi Democrazia elettrica...
(Roberto Benigni)

NUDISTI
Uno dei grandi misteri della vita: cosa ne fa un nudista delle chiavi dopo che ha chiuso la macchina?.
(Jacob M. Braude)

BAMBINI PRECOCI
Io sono molto precoce. Pensate che io ho imparato a scrivere molto prima di imparare a leggere. Difatti scrivevo e mi chiedevo: ma che cavolo ho scritto?
(Claudio Bisio)

MENU' A LA CARTE
"Agli intenditori consigliamo la frittura temporanea, realizzata con pesci svenuti. Va mangiata in fretta altrimenti i pesci si svegliano e se ne vanno urlando pesanti improperi"
(Felice Caccamo)

SEGRETERIA TELEFONICA
"Salve. Qui è Jane. Se telefonate per dei soldi che mi dovete, lasciate un messaggio. Se telefonate per dei soldi che vi devo, lasciate il vostro nome e un numero di telefono sbagliato".
(John Carfi & Cliff Carle)

NON C'E' PIU' RELIGIONE
Niente mi toglie dalla testa che la diffusione del cristianesimo in Italia è dovuta alla nostra esterofilia: volete mettere se Gesù, invece che a Betlemme, fosse nato a Cesenatico.
(Enzo Costa)

SINTOMI DI VECCHIAIA
Recentemente ho compiuto 50 anni, che è un'età giovane per un albero, media per un elefante, e avanzata per un jogger il cui figlio dice: - Papà, non vengo più a correre con te a meno che non mi porti qualcosa da leggere! -".
(Bill Cosby)

DISAGI ADOLESCENZIALI
Da piccolo avevo un sacco di brufoli. Un giorno, in biblioteca, mi sono addormentato. Al mio risveglio un cieco mi stava leggendo la faccia.
(Rodney Dangerfield)

TIPI IMPRESSIONABILI
Rimango talmente impressionato dalla lettura di un libro giallo, che quando lo poso cancello le mie impronte digitali.
(Carlo Dapporto)

PSICANALISI DELLA SETE
Si può sognare una moltitudine di bevande; ma quando si ha vermente sete, bisogna svegliarsi per bere.
(Sigmund Freud)

CHE TATTO!
La mia ragazza è brutta. Una volta che stava giocando si è tagliata un dito, allora l'ho portata dal medico condotto e gli ho gridato: -Presto, ché la mia ragazza ha avuto un incidente!-, e lui, come ha aperto la porta e l'ha vista in faccia, ha detto: -Chissà la macchina-
(Giorgio Faletti)

LO SBARCO DEI MILLE
Sapete che cosa disse Garibaldi ai suoi soldati quando sbarcò in Sicilia? Disse: – Grazie Mille!
(Giorgio Faletti)

NOUVELLE COUSINE
Nouvelle cuisine, tradotto, significa più o meno: "Non posso credere di aver speso 96 dollari e di avere ancora fame".
(Mike Klain)

INVENZIONI
La vasca da bagno fu inventata nel 1850, il telefono nel 1875. Se foste vissuti nel 1850, avreste potuto restare in vasca per 25 anni senza sentir squillare il telefono".
(Jacob M. Braude)

CON TUTTE LE BUONE INTENZIONI...
Provò anche a vendere gli accendini ai semafori, ma non riuscì mai a trovare un semaforo col vizio del fumo.
(Valerio Peretti Cucchi)

PLAYBOY DA STRAPAZZO
Non so mai quando fare la prima mossa. In genere aspetto la facesse lei. Ieri sera ad una festa una ragazza bellissima mi ha offerto da bere, e poi mi ha invitato a casa sua. Mi fa: "Scusa un attimo". Quando ritorna è completamente nuda. Si siede sulle mie ginocchia, comincia ad accarezzarmi, a baciarmi dappertutto, e allora ho pensato: "Daniele, questa occasione non fartela scappare!". E così mi sono fatto dare il suo numero di telefono.
(Daniele Luttazzi)

da MINCHIA SABBRI!
Quando se n'è arrivata la prof di Mate già mi stavo incazzata come un cobra! Quella mi fa: "Sabbrina facciamo i logaritmi!". Ma io ci ho detto: "Ohhhhh…. I logaritmi me li faccio a casa col Tantum Verde, quando ci ho le placche!".
(Luciana Littizzetto)

SPERIAMO CHE RIPOSI IN PACE...
Mio nonno era talmente aggressivo e arrogante che sulla sua tomba, sotto la foto, c'era scritto: "..zzo guardi"
(Daniele Luttazzi)

POVERI MA BELLI
Quand'ero piccolo ero talmente povero che anche l'arcobaleno lo vedevo in bianco e nero".
(Silvio Orlando)

INCANTESIMO O FATTURA?
A uno ho detto: - Tu camminerai -, e dopo due giorni… gli hanno fregato la macchina".
(Mago Oronzo)

IL SENSO DELL'ECONOMIA
Mia madre aveva il senso dell'economia sviluppato fino alla genialità: figuratevi, io mi chiamo Gastone. Ebbene, lei mi chiamava semplicemente Tone... per risparmiare il gas...
(Ettore Petrolini)

FUMATORI
Dai fumatori si può imparare la tolleranza. Mai un fumatore si è lamentato di un non fumatore.
(Sandro Pertini)

L'8 MARZO
Tema: 'L'otto marzo'. Svolgimento: 'L'otto marzo, l'otto un quarto faccio colazione, l'otto e mezzo sono a scuola'.
(Giorgio Panariello)

LETTERE ALLA REDAZIONE
Ci scrive un Maiale da Parma: sono tutto rosa, tenero e con un filo di grasso e mi guardo tutto il giorno allo speck. Ora mi viene un dubbio. Non starò mica diventando un culatello!"
(Francesco Salvi)

L'OTTIMISTA
L'ottimista è un uomo che, senza una lira in tasca, ordina delle ostriche nella speranza di poterle pagare con la perla trovata.
(Ugo Tognazzi)

TUTTO SU MIA SORELLA
Mia sorella nella vita ha conosciuto alti e bassi...
E se li e' sempre fatti tutti.
(Valerio Peretti Cucchi)

LAVORI FORZATI
"Il contribuente e' uno che lavora per lo Stato senza essere un impiegato statale."
(Ronald Reagan, ex Presidente degli Stati Uniti)

FLAGELLI ESTIVI
Non perdonerò mai a Noe' di aver imbarcato anche una coppia di zanzare.
(Enzo Costa)

UN UOMO, UNA TARGA...
Giuliano Ferrara e' cosi' grosso che fa il capoluogo di provincia.
(Gino & MIchele)

AMICIZIE PERICOLOSE
Dicono che il cane sia il miglior amico dell'uomo.
Secondo me non e' vero.
Quanti dei vostri amici avete fatto castrare, recentemente?
(Larry Reeb)

TRADIMENTI... D'AMORE
Certe donne amano talmente il proprio marito che per non sciuparlo prendono quello delle loro amiche.
(Alexandre Dumas figlio)

MA CHE BEL PORCELLINO!!!
Le maschere di fango non fanno bene alla carnagione.
Hai mai visto un maiale carino?
(Jack E. Leonard)

IL GRANDE VECCHIO DELLA RACCHETTA
"L'esperienza e' un gran vantaggio. Il problema e' che, quando hai l'esperienza, sei maledettamente troppo vecchio per farci qualcosa".
(Jimmy Connors)

CAPOLAVORI SENZA MACCHIA
Quando Michelangelo fini' di dipingere la Cappella Sistina, passo' il resto della sua vita a tentare di togliersi la vernice che gli era colata nella manica.
(Cavanna)

MANIACI PERPLESSI
Mia sorella soffre d'asma. Nel bel mezzo di un attacco un giorno ha ricevuto la telefonata oscena di un maniaco. Dopo un po', il tizio ha detto: - Scusa, ma ti ho chiamata io o mi hai chiamato tu? -
(John Mendoza)

SCOPERTE CONFORTANTI
Sono stato in banca per dare un'occhiata ai miei risparmi.
Ho scoperto di avere tutto il denaro che mi serve.
Se muoio domani.
(Henny Youngman)

VANITA' INFRANTA
Basta! Chi s'e' visto s'e' visto, io mi sono rotto!
Disse lo specchio appena schiantatosi a terra.
(Alessandro Bergonzoni)

SIAMO TUTTI MUSICISTI
Ma è vero o non è vero che fa diesis è la somma di cinques piu cinques?
(A. Bergonzoni)

CURE E RIMEDI
Quando di notte soffro d'insonnia prendo dei lassativi. Non dormo lo stesso, ma almeno ho qualcosa da fare.
(Leonardo Manera)

ASIA ARGENTO
Asia Argento parliamo della sua carriera di attrice. Lei fra i giovani è considerata un'icona . Non si saranno dimenticati una effe ? "
(Dario Vergassola)

SETTANTENNI
Per un settantenne è facile amare il prossimo. Meno facile amare la prossima.
(Dimitri Yordanow)

DAL PARRUCCHIERE
Le conversazioni dal parrucchiere sono la prova inconfutabile che le teste sono fatte per i capelli
(Karl Kraus)

IL TEMPO
Il tempo è un grande maestro. Peccato che uccida tutti i suoi allievi.
(Hector Berlioz)

COM'E' GRANDE LA NATURA
La Natura è fantastica. Un miliardo d'anni fa non avrebbe mai sospettato che noi avremmo portato gli occhiali, eppure ci ha fatto le orecchie!
(Milton Berle)

NONNA PAPERA
Nonna Papera a volte invita gli ospiti e gli dà da mangiare il tacchino. Il tacchino! E' come se Minni desse i criceti ai suoi ospiti. Come se mia madre mi cucinasse il timballo di mio cugino! Che se lo meriterebbe anche, ma non è questo il discorso.
(Claudio Bisio)

UOMINI A HOLLYWOOD
Non ci sono molti uomini a Hollywood. Sapete com'è: o sono già sposati, o stanno divorziando, o vogliono in prestito le tue ciglia finte.
(Dorys Day)

SEX SYMBOL Se nella seconda scena ho ancora le mutande addosso penso subito che mi abbiano mandato il copione sbagliato.
(Mel Gibson)

METAFORE
Sembrava che fosse stata versata direttamente nel suo vestito e che si fosse dimenticata di dire: "Basta così!"
(P.G. Wodehouse)

IL MIGLIOR MODO DI MORIRE
Vorrei morire ucciso dagli agi. Vorrei che di me si dicesse: "Com'è morto? Gli è scoppiato il portafogli".
(Marcello Marchesi)

IO E LA GINNASTICA
Sono convinto che ogni essere umano abbia un numero finito di battiti cardiaci. Non intendo sprecare i miei correndo in giro a fare esercizi.
(Neil Armostrong)

IL PAPA
Papa: l'unico vice di una società che non vede mai il proprio capo, neanche a Natale.
(Anonimo)

RIMINI
A Rimini ci sono talmente tanti alberghi che ormai l'unica vista che si possa godere dall'Hotel Bellavista è l'Hotel Belvedere e viceversa.
(Paolo Cananzi)

CALVIZIE
L'unica cosa che arresta la caduta dei capelli è il pavimento.
(Maurizio Costanzo)

SIAMO TUTTI SPORTIVI
L'unico sport che ho praticato nella mia vita è andare ai funerali dei miei amici sportivi.
(Mark Twain)

GIULIO CESARE
"Cesare, il popolo chiede sesterzi!".
"No, vado dritto".
(Saverio Pesapane)

RIFLESSIONI
Perché festeggiamo quest'uomo? Abbiamo finito gli esseri umani?
(Milton Berle)

ALTEZZA MEZZA BELLEZZA
E' così basso che quando piove è l'ultimo a saperlo.
(Milton Berle)

NEW YORK NEW YORK
Ho dovuto trasferirmi a New York per motivi di salute. Sono estremamente paranoica e New York è l'unico posto dove le mie paure sono giustificate.
(Anita Wise)

UN VERO GENIO
Non è certo un genio. Quando la corrente è saltata, è rimasto bloccato sulle scale mobili per due ore.
(Milton Berle)

DONNE E ANIMALI
Una donna ha bisogno di quattro animali nella sua vita: una Jaguar nel garage, una tigre nel letto, un visone sulla pelle e un asino che paghi.
(Zsa Zsa Gabor)

VIRTU'
La calma è la virtù dei morti.
(Boris Makaresko)

BELLEZZA VS. BRUTTEZZA
La bruttezza ha un vantaggio sulla bellezza: dura.
(Daniel Mussy)

NOTIZIA ANSA
25 Ottobre 1991. Da un'indagine Istat risulta che in Italia nascono pochi bambini. Se andrà avanti così, tra vent'anni in Italia ci saranno solo anziani. Si teme perciò un aumento degli incidenti del sabato sera. Sì, all'uscita dalla messa.
(Striscia la notizia)

UNA FOTO, PLEASE...
In Giappone ora vengono costruiti dei nipponici che non hanno più la macchina fotografica penzolante sulla pancia, ma già incorporata. Quando fanno l'occhiolino, clic, una foto. Ogni sera si tirano la pellicola dal culo per vedere com'è stata la giornata.
(Urs Widmer)

PUBBLICITA'
Credevo che l'educazione sessuale consistesse nel dire "grazie" al ginecologo.
(Slogan dello Jagermeister)

POSTI PERICOLOSI
Il letto è il posto più pericoloso del mondo: vi muore l'80% della gente.
(Mark Twain)

Woody Allen

Non so come comportarmi con le ragazze. Sono timido, ecco. In presenza di una donna mi innervosisco, mi agito, ho tendenza a fare la bava. L'unica ragazza che avevo conosciuto, finora, era una del quartiere, neanche tanto attraente. Anzi per niente. Le facevo telefonate oscene, a carico del destinatario. Le accettava sempre, lei, ma non successe mai nulla.
(da "Prendi i soldi e scappa")

E' molto, molto difficile mettere d'accordo cuore e cervello… Pensa che, nel mio caso, non si rivolgono nemmeno la parola.
(da "Crimini e misfatti")

Mio padre ha preso da sua zia May...rifiutava la Bibbia perchè diceva che il personaggio centrale non era assolutamente credibile.
(da "Crimini e misfatti")

Il timore della separazione. E' un interessante fenomeno psicologico. Una volta, da sposato, dovetti partire per Washington. E benché fossi io che partivo, mi sentii male. Invece, quando tornai diede di stomaco mia moglie.
(da "Provaci ancora Sam")

Grazie a Dio, sono ateo.
(da "Broadway Danny Rose")

"Andai in un'armeria e comprai un fucile. Intendevo... mi capite, se mi avessero detto che avevo un tumore maligno. Insomma,mi sarei fatto fuori. L'unica cosa che avrebbe potuto fermarmi, dico avrebbe, è che i miei genitori ne sarebbero sconvolti. Avrei quindi...avrei dovuto uccidere anche loro - prima. Eppoi ho una zia e uno zio. Avrei dovuto...capite...sarebbe andata a finire in un bagno di sangue."
(da "Hannah e le sue sorelle")

Possiamo noi realmente "conoscere" l'universo? Dio mio, è già abbastanza difficile trovare la strada per uscire da Chinatown. Tuttavia questo è il punto: esiste qualcosa al di fuori della nostra coscienza? E perché? E perché devono fare tutto quel chiasso?
(da "Saperla lunga")

Non solo Dio non esiste, ma provatevi a trovare un idraulico durante il week-end.
(da "Saperla lunga")

"L'universo è solo una fugace idea nella mente di Dio - pensiero piuttosto agghiacciante, specie se hai già versato la caparra per l'acquisto di una casa."
(da "Saperla lunga")

Metti che tutto sia illusione e niente esista? Ma allora avrei pagato uno sproposito per quella moquette! Se solo Dio potesse darmi un segno! Per esempio intestandomi un conto in qualche banca svizzera.
(Frammenti di diario )

"Cloquet odiava la realtà, ma si rendeva conto che era pur sempre l'unico posto dove trovare una buona bistecca."
(da "Effetti collaterali")

Il mondo, a quanto pare, si divide in buoni e cattivi. I buoni dormono meglio, pensò Cloquet, ma i cattivi da svegli si divertono di più.
(da "Effetti collaterali")

Ero molto depresso in quel periodo.Intendevo uccidermi ma, come ho già detto, ero in analisi, e i freudiani sono molto severi al riguardo, ti fanno pagare le sedute che perdi.
(Monologhi)

"Non faccio mai uso - lo dovete sapere, anche questo - di sostanze psichedeliche, nè di droghe di alcun genere. Il mio organismo non le tollera. Diedi per sbaglio una tirata a uno spinello, una volta, a una festa. Le guardie mi dovettero fermare. Mi ruppi due denti, cercando di fare un succhiotto alla Statua della Libertà.
(Monologhi)

Prima di salutarvi vorrei tanto lasciarvi un messaggio positivo. Ma non ce l'ho. Sono la stessa cosa due messaggi negativi?
(Discorso ai laureandi )

Non voglio acquisire l'immortalità con le mie opere, no, voglio acquistarla non morendo.
(W. Allen: "Aforismi")

Mio nonno era un uomo molto insignificante. Al suo funerale il carro funebre seguiva le altre auto.
(W. Allen: "Aforismi")

Dio è morto, Marx è morto e anche io non mi sento tanto bene.
(W. Allen: "Aforismi")

Sono ateo teologico esistenziale. Credo nell'esistenza dell'universo con l'eccezione di qualche cantone svizzero.
(W. Allen: "Aforismi")

Non è che ho paura di morire. E' che non vorrei essere lì quando questo succede.
(W. Allen: "Aforismi")

Dio non è morto. Sta solo cercando un parcheggio.
(W. Allen)

L'ultima volta che sono entrato in una donna è quando ho visitato la Statua della Libertà.
(W. Allen: "Aforismi")

A scuola mi esclusero dalla squadra di scacchi a causa della mia statura.
(W. Allen: "Aforismi")

Provo un intenso desiderio di tornare nell'utero... Di chiunque.
(W. Allen: "Aforismi")

Ho smesso di fumare. Vivrò una settimana di più e in quella settimana pioverà a dirotto.
(W. Allen: "Aforismi")

E se nel 2315 ci svegliassimo per sentirci raccontare che il fumo non aveva mai fatto male a nessuno? (W. Allen)

Ho fatto un corso di lettura veloce, ho imparato a leggere a piombo, trasversalmente la pagina, e ho potuto leggere "Guerra e Pace" in venti minuti. Parlava della Russia.
(W. Allen: "Aforismi")

Da bambino andai in un campeggio estivo per bambini di tutte le religioni. Così fui picchiato da bambini di tutte le religioni.
(W. Allen: "Aforismi")

La bisessualità immediatamente raddoppia le tue chances al sabato sera.
(W. Allen: "Aforismi")

Quando ero piccolo i miei genitori mi volevano talmente bene che mi misero nella culla un orsacchiotto vivo.

Linda: - Ma tu cuoci solo cibi surgelati?
Allen: - Cuocerli? E chi li cuoce? Io neanche li scongelo. Li succhio come se fossero ghiaccioli!

Il leone e il vitello giaceranno insieme, ma il vitello dormirà ben poco.

"Il mio primo film era così brutto, che in sette Stati americani aveva sostituito la pena di morte".

Quand'ero piccolo i miei genitori hanno cambiato casa una decina di volte. Ma io sono sempre riuscito a trovarli.

ALLEN: Hmm...Bello quel quadro di Frank Kline, eh?
RAGAZZA: Sì, bello.
ALLEN: A te...cosa dice?
RAGAZZA: Riafferma la negatività dell'universo. L'atroce solitudine e il vuoto dell'esistenza -il nulla- la condanna dell'uomo, costretto a vivere in una brulla eternità senza Dio, come una fiammella che vacilla in un immenso vuoto, senza nulla intorno che desolazione, orrore e degradazione...stretto in un'inutile, squallida camicia di forza in un cosmo tenebroso, assurdo.
ALLEN: Cosa fai sabato sera?
RAGAZZA: Mi suicido.

Lo psichiatra è un tizio che vi fa un sacco di domande costose che vostra moglie vi fa gratis.
(W. Allen: "Aforismi")

TEOREMA DI GIOBBE
I guai sono come i fogli di carta igienica: ne prendi uno, ne vengono dieci.
(W. Allen: "Aforismi")

Alessandro Bergonzoni (comico bolognese, re del calembour)

1. "Sono molto contento di essere Qui", come disse il nipotino di Paperone.
2. Mi sono iscritto ad un concorso di colpa, ma non ho vinto niente perche' non c'entravo.
3. La salma e' la virtu' dei morti.
4. Di questo potrei parlare all'infinito, ma odio Leopardi e tutti i poeti da pelliccia.
5. Non portare mai la tua donna alla baia dei Porci. Lei capira'.
6. La prima volta che ho visto un piatto di spaghetti, pensavo fosse una versione impegnativa dello shangai.
7. Cosa direbbe Freud se fosse ancora vivo? Beh'... Come sono ben longevo!
8. Pioveva sui nostri corpi spogliati, un vero nudifragio
9. Quando vedo un uomo piangere nel buio della sua stanza mi domando cosa lo spinga a non accendere la luce
10. Il formaggio con le pere e' femmina ?
11. Ho regalato a mia moglie un cactus con il biglietto "Odio S. Valentino, non te".
12. Alla manifestazione d'affetto c'erano tanti cartelli.
13. Era un tempo da lupi, infatti a Gubbio piovevano cani...
14. Ciccutella era una ragazza scapola fin sopra la spalla...
15. "Allora, signora, mi dica: quando ha accusato i primi dolori?".
"Guardi che ha capito male, sa? Io non sono una delatrice della sofferenza!".
16. Mettemmo avanti le lancette dell'orologio. Cosi', per ingannare il tempo...
17. Ad Alfeo chiesero dov'era il cimitero e lui indico': "Sempre dritto fino all'incrocio dove ti muore il cane, passi un grande dispiacere e sei gia' arrivato".
18. Quel mattino il sole era alto e i sette nani invidiosissimi come al solito; e non solo del sole, ma anche dei venti perche' erano piu' di loro.
19. Cristoforo Colombo disse che il mondo era una sinusoide e andava operata al piu' presto.
20. L'estate era alle porte e mia sorella alla finestra.
21. In tutte le epoche, insomma, avere figli ha sempre significato sacrificio, almeno fin che non viene il giorno in cui col colapasta e il grembiule si apre un periodo nuovo: cioe' l'eta' scolare.
22. A scuola mi insegnavano che il pesce ombrello non sarebbe mai uscito col tempo bello e dicevano anche che le foche esistenti sulla terra erano di due tipi: foche buone e foche cattive (solo che le cattive erano anche ripiene e le chiamavano focacce).
23. E l'amicizia fa camminare l'uomo a testa alta. Certo che puo' essere esagerato farlo sempre, perche' prima o poi camminando cosi' si sbatte contro qualcosa.
24. Ma attenzione: per vedere i sorci verdi non e' sempre detto che debba succedere chissa' che, basta solo abitare nelle fogne e avere della vernice color prato.
25. Passarono dal triangolo delle Bermude (l'unico luogo dove scompaiono i pantaloncini corti).
26. Sono tanti i nomi che hanno fatto grande l'arte della musica: Verdi, Rossini, Nerone, Bach, Offenbach, Wagner, Offenwagner e Toscanini, l'inventore dei sigari piccoli.
27. Si parla di anni che portarono oltre il progresso sperato e cioe' fino ad arrivare all'invenzione della lettera "P", con comprensibile giovamento delle pubbliche relazioni e dei rapporti umani di persone come: Latone, Inocchio, Irro, Aeron de Aeroni, Aa Giovanni, Uccini.
28. I dolci vennero sempre serviti alla fine di ogni pasto e cio' li rendeva impazienti.
29. Il tempo vola e noi no. Strano sarebbe se noi volassimo e il tempo no, il cielo sarebbe pieno di uomini con l'orologio fermo.
30. E poi c'e' la violenza con la sua famosa spirale che serve per non generare altra violenza.
31. Prepariamoci un arrosto cardiaco. Dobbiamo prima trovare un bue infartuato.
32. Io ero nel classico periodo in cui guardavo un uovo e chiedevo: chi sei tu? Ne' carne ne' pesce...
33. "Basta con questa vita, voglio farmi una famiglia". "Esagerato.. fatti solo la piu' carina di tutta la famiglia".
34. Bergonzoni, cosa ci dice sul suo futuro? Il mio futuro? Beh... guardo nella mia palla di vetro e dico: Toh! Ho un testicolo artificiale!
35. Ti amo, ti ho sempre amata, ti amo da generazioni. Mio padre ti amava prima di me, mio nonno prima di lui.
36. Casa Dolce Casa, e' solo un proverbio oppure e' una rivista di Arredamento Pasticceria Arredamento?
37. E secondo me, parere che peraltro condivido...
38. Come diceva un grande comico meteorologo: "Siamo uomini o temporali?".
39. Gionny Falo' mentre bruciava disse al suo popolo: "Non avrete paura del fuoco se sarete vigili...". Ma mori' prima di dire: "del fuoco".
40. E' uno strazio vivere nel paese di Campanelli per chi ama bussare.
41. "Prepariamoci un arrosto cardiaco". "Dobbiamo prima trovare un bue infartuato".
42. "Il diretto Savona-Baghdad è in partenza dal binario 812". "812???". "Beh, sì. E' già quasi a Baghdad...".
43. E tutto ciò ve lo dico col cuore in mano, quindi coi polsini insanguinati.
44. Quando un delfino arriva a riva significa che arriva quando gli pare o che si avvicina alla spiaggia?
45. Basta! Chi s'e' visto s'e' visto, io mi sono rotto! Disse lo specchio appena schiantatosi a terra.
46. La navigazione durò ottanta giorni e una
notte, fino a quando cioe' un mozzo e il suo monco avvistarono qualcosa all'orizzonte e gridarono "Fiesoleee!!!".
47. Il sindaco di Tortona potrebbe essere una ciliegina.
48. Pavido la mattina alzava le braccia, ma alzava anche le gambe per non farle sentire arti inferiori.
49. Chinandosi per raccogliere una zolla di terra, senti' uno strano rumore: aveva rotto i pantaloni proprio nel punto del cavallo, nella zona del maneggio.
50. Se ne ando' sbattendo la porta e sbraitando: "Non c'e' piu' religione!". Qualcuno disse: "Allora andremo a casa un'ora prima!".
51. Un giorno decise di suicidarsi: si mise la camicetta di quando aveva quattro anni e allacciò il bottone del colletto.
52. Il guardiano del faro prese un accento e comincio' a fare la guardia ad un bel futuro: il faro'.
53. Mi hanno regalato un paio di mutandem: ci si sta in due e si pedala.
54. Caricati male sul portapacchi c' erano tutti i numeri della rivista "Casa dolce casa" (l' unica rivista di arredamento pasticceria arredamento), le foto di Alibabà e i 39 ladroni (uno scattava la foto), e poi lo sgà del tipo bello e la bici del tipo cletta.
55. Chi mi dice a me che, dopo l'ultima cena, Cristo non abbia più cenato, ma sia vissuto solo pranzando o facendo brevi spuntini?
56. I gelatai avevano smesso di fare i gelati perché ormai non c' era più nessun gusto.
57. E la madre gli disse: "Non essere ingenuo, non credere a tutto quello che ti dicono; sappi che il miglio non è l' unità di misura dei canarini, che i malati di mente vanno pazzi per certe caramelle, che Pino Daniele è il nome proprio di un albero e che fa diesis non è musica ma matematica, e cioè la somma di cinques più cinques! Abbi fiducia in te stesso! Applicati ma non inchiodarti".
58. Mi piace perdere la faccia e ritrovarmi i capelli sul collo.
59. In quest'arco di tempo temo di essere colpito da una freccia.
60. Se tornassi a nascere cosa farei? Una gran festa per la resurrezione!
61. Se ne vanno i migliori, mi consolo pensando che non tornano i peggiori.
62. Bologna piace per due motivi: il primo e il secondo.

Totò

I parenti sono come le scarpe: più sono stretti e più ti fanno male.
(Totò Baby)

L'acne giovanile si cura con la vecchiaia.
Barone Luigi Fontana

Sono un uomo di mondo: ho fatto tre anni di militare a Cuneo.
(maestro Antonio Scannagatti)

A me i gatti neri mi guardano in cagnesco.
(Commissario Antonio Saracino)

La donna è mobile e io mi sento mobiliere.
(Ottone Spinelli degli Ulivi detto Zazà)

Questa è la civiltà: hai tutto quello che non vuoi quando non ti serve.
(Antonio della Buffas)

Cavaliere, nessuno vuole farla fesso...non c'è bisogno.
Commissario Antonio Saracino

Gli avvocati difendono i ladri. Sai com'è...tra colleghi.
(Totò)

Ti voglio ammazzare perché così ti insegno a vivere
(Totò)

Paese che vai, americani che trovi.
(Totò Esposito)

Lei puzza con la "p" maiuscola.
(commissario Di Sapio)

Coraggio ce l'ho. E' la paura che mi frega.
(Figaro)

Era un uomo così antipatico che dopo la sua morte i parenti chiedevano il bis
(Barone Antonio Peletti)

Chi dice che i soldi non fanno la felicità, oltre a essere antipatico, è pure fesso.
(Gasparre)

Siccome sono democratico, comando io.
(Dante Posalaquaglia)

Le persone più si sentono importanti e meno lo sono.
(Antonio Bonocore)

Noblesse oblige: la nobiltà è obbligatoria.
(Barone Antonio Peletti)

Ti offro una bella pizza...I soldi ce li hai?
(Umberto Venazzà detto Infortunio)

Ai postumi l'ardua sentenza.
(professor Serafino Benvenuti)

E io pago...

Groucho Marx

Non vorrei mai fare parte di un club che accettasse tra i suoi soci uno come me.

E' vero è stato a Sing Sing, ma solo perché ama la musica.

Non dimentico mai un volto, ma nel suo caso farò un'eccezione.

Grazie, ho trascorso una serata veramente meravigliosa. Ma non è questa.

Persi le staffe. Erano le mie staffe preferite...

L'orologio che mi ha regalato sarà per me un'eterna fonte di felicità. L'avrei ringraziata prima, ma ho preferito aspettare che passasse una settimana per essere sicuro che funzionasse.

Suppongo che i letti ad acqua dovessero essere inventati. Era l'unico modo di bere qualcosa la notte senza calpestare il gatto.

Il matrimonio è la causa principale del divorzio.

Conosco un tale che ha conosciuto così tanti uomini nell'armadio che è stato costretto a divorziare solo per appendere i suoi vestiti.

Ti aumento la paga solo perché ti dispiaccia di più quando ti licenzio.

-Ha telefonato il padrone di casa. Ha detto che vuole i soldi per l'affitto.
-Gli dovrei pagare l'affitto io? Non ho neppure i soldi per pagare il mio...

-Perché canti?
-Per ammazzare il tempo.
-Certo che hai un'arma micidiale!

Dove abita lo strappo alla regola? In via del tutto eccezionale.

Oggi sono stato in un bar, ho chiesto qualcosa di caldo e mi hanno dato un cappotto.

Luciana Littizzetto

1. Ma quei capelli lì sono tuoi o li tingi col Minestrone del Casale?
2. Quando se n'è arrivata la prof di Mate già mi stavo incazzata come un cobra. Quella mi fa "Sabbrina facciamo i logaritmi!". Ma io ci ho detto: "Ohhh... i logaritmi me li faccio a casa col Tantum Verde, quando ci ho le placche!"
3. Oggi Tury mi ha detto: "Minchia, Sabbry, dopo la moto, il calcetto e il totonero sei la prima nei miei pensieri!".
4. Bisogna vivere come i gigli dei campi. E cosi' voglio fare: baciata dal sole, lambita dal vento e pisciata dai dobermann.
5. Di notte sono sonnambula, di giorno sono giornambula (Minchia, troppo simpatica).
6. Oggi Tury mi ha detto: "Minchia, Sabbry, ti amo come è vero che faccio i 18 con un litro!".
7. Oggi Tury mi ha detto: "Minchia, Sabbry, ma ci hai sempre le mani sudate! Quando ci camminiamo mano nella mano mi sembra di portare a spasso un capitone!".
8. La misura ideale delle tette è a coppa di champagne. Le mie sono a tappo di champagne.
9. Oggi Tury mi ha detto: "Minchia, Sabbry, mi piaci perché sei dura come i cerchioni della mia Alfasud!".
10. Mia madre ha detto a mio padre che gli avrebbe fatto le lasagne. Ma poi se ne è scordata e, quando mio padre è arrivato a casa, lei gli ha dato del brodo. Miiiii, mio padre s'è incazzato! Ha sbattuto il piatto sul tavolo, e ha urlato a mia madre: "Pina, segnati le ossa che te le mischio!".
11. La prof. mi ha detto di darle il diario. Allora io ho preso l'agenda e gliel'ho tirata. Miiiii, l'ho beccata in faccia! L'hanno ricoverata all'ospedale. Con tutti i punti che le hanno dato, si poteva vincere un'insalatiera del Mulino Bianco!
12. Oggi ho un diavolo per capezzolo...
13. A scuola ci hanno fatto studiare la Divina Commedia, di Santi Licheri.
14. Ho letto un libro: "La ragazza di Pube". Sei tu? (Lettera del fidanzato di Sabry )
15. Voglio che il mio uomo abbia un treno nelle mutande, con sopra Celentano!
16. La bambina recita la poesia: Scarpettine colorate,/ scarpettine ricamate, / ricamate di seta verde.../ ... Per calpestar le merde!
17. Ti do uno schiaffo così forte che quando finisci di girare i tuoi vestiti sono passati di moda.
18. Oh amore! Tu per me sei come il pranzo di Natale, come il rutto di Capodanno, come le pulizie di Pasqua!
19. Non ti piaccio così come sono? Vuoi che mi rifaccia il seno? Hai ragione, due tette sono troppo poche, ne voglio tre, una mensola. Poi ci metto sopra le piante grasse. Mi rifaccio anche il naso. Lo faccio alla francese. A forma di Tour Eiffel.
20. Slegami Lolita
No dai, lurido, facciamo che tu fai il malato e io l'infermiera, come nelle barzellette sporche, dai lo sai che son zoppa d'amore per te, se mi lasci mi impicco a una vena varicosa. Dai e sputami addosso un pezzo di pleura, dai mischiami le vertebre come un cubo di rubik. Portami con te al Club "Amici della Prostata", dai ricoverami in un "dai hospital"
Cosa?
Un "dai hospital", quello dove entri e ci dai per un giorno intero.

 

Marcello Marchesi
Marcello Marchesi, (1912-1978), umorista, presentatore TV, autore teatrale, autore di spot pubblicitari (migliaia di Caroselli), battutista, sceneggiatore di molti film di Toto’ (Siamo uomini o caporali, ecc)


1. L'amore ha diritto di essere disonesto e bugiardo. Se e' sincero.
2. Notizia giornalistica: Giovane si schianta contro lampione. Spenti entrambi.
3. L'uomo spaziale non vuole andare su Venere. Teme di ritornare con una malattia del luogo.
4. Chi si inferma e' perduto!
5. Quando fanno all'amore i preti? Nei ritagli di ... tempio.
6. Si era talmente applicato agli studi del sesso che gli diedero una borsa di stupro.
7. "Ai bambini buoni la dolce Euchessina". "E a quelli cattivi?". "Che spingano!".
8. Siamo cauti nei giudizi. Prima di dire che uno e' uno stronzo bisogna leccarlo.
9. La logica e' una forma di pigrizia mentale.
10. Chi va piano va sano e viene tamponato poco lontano.
11. Notizia giornalistica: Finalmente una buona notizia sul fronte scientifico. L'atomica non causa il cancro.
12. E' sbagliato giudicare un uomo dalle persone che frequenta. Giuda, per esempio, aveva degli amici irreprensibili.
13. Date i peli superflui ai poveri.
14. Notizia giornalistica: Madre mongola si dispera per il figlio nato italioide.
15. Nessuna nuora, buona nuora.
16. Dio, dammi un assegno della tua presenza.
17. Lo schiavo si affeziona. L’impiegato no.
18. Bocciate! Bocciate un po’ di figli del popolo. Che rimanga qualche idraulico.
19. "Quando ho la sensazione che in fabbrica ci sia un po’ di disordine – mi diceva un giovane industriale – quando vedo che si profila uno sciopero, io prendo il mio yacht. Me ne vado. In crociera. Alle Bahamas. E mi porto dietro un po’ di operai". "Come viaggio premio?". "No, come ostaggi".
20. Ogni rovescio ha la sua medaglia.
21. Non ho fame, non ho sete, non ho caldo, non ho freddo, non ho sonno, non mi scappa niente : come sono infelice.
22. Anche le formiche nel loro piccolo si incazzano.
23. Mangiare e' un diritto, digerire e' un dovere.
24. Dal mio fioraio le corone da morto le fa la nonna, cosi' si abitua all'idea.
25. Tra il dire e il fare c'e' una busta da dare.
26. Una delle cose fondamentali della vita e' la dignita'. Non bisogna mai perderla. Per non perderla basta non averla.
27. I signori devono vivere da signori, seno' i poveri perdono lo spettacolo.
28. Ricordati di pontificare le ferie.
29. Meno tavole rotonde, piu' tavole calde.
30. Un'assurdita': odorare di deodorante.
31. Diceva Marcello Marchesi nel 66 di Giulio Andreotti: Chi non muore si risiede.
32. Il mondo e' fatto a scale, chi e' furbo prende l'ascensore.
33. Perche' denunciare il reddito dopo il bene che vi ha dato?
34. Diamo a Cesare quel che e' di Cesare. Ventitre' pugnalate.
35. Vorrei morire ucciso dagli agi. Vorrei che di me si dicesse: "Come e' morto? Gli e' scoppiato il portafogli".
36. Tutto e' perduto, fuorche' l'ospite d'onore.
37. La rivoluzione si fa a sinistra, i soldi si fanno a destra.
38. Non sprecate il vostro suicidio; ammazzate prima qualcuno che vi e' odioso.
39. Non esistono innocenti: tutti abbiamo passato un raffreddore a qualcuno.
40. La legge e' uguale per tutti. Basta essere raccomandati.
41. La superbia ando' a cavallo e torno' in yacht.
42. Burocrazia: Bolli, sempre bolli, fortissimamente bolli.
43. L'importante e' che la morte ci trovi vivi.
44. Nessuno si e' mai ammazzato perche' non riusciva ad amare il prossimo suo come se stesso.
45. Collaborazione. Io l'insulto. Tu lo tieni. Lui gli mena. Noi aiutiamo e voi guardate se essi arrivano.
46. Super-SuperGnomo fa il bucato cosi' bianco, ma cosi' bianco, ma cosi' bianco che la neve si vergogna e il giglio va a cagare.
47. Arturo, spaventato da un mezzo infarto, si sottopose ad un minuzioso check-up che gli costo' un occhio della testa e dal quale risulto' che era pederasta.
48. Mi sento sotto la cresta dell'onda.
49. Dimmi con chi vai e ti diro' se vengo anch'io.
50. Chi trova un amico chiede un prestito.
51. Il critico e' uno che sul libro fa il tassello, come se fosse un'anguria: se e' rosso dice che e' bello senza assaggiarlo.
52. Due parallele si incontrano all'infinito, quando ormai non gliene frega piu' niente.
53. La gallina che canta ha fatto il disco.
54. Felicita': Chi e' felice e' stupido. (Non e' vero, ma consola).
55. L’uomo fa dei movimenti inutili. Per questo e' superiore alla macchina.
56. Oggi un'automobile mi e' venuta addosso. Mentre ero ancora col piede in aria, mi e' arrivato l'urlo dell'automobilista. "Ma va' in macchina, cretino!".
57. L'uomo propone e Dio si indispone.
58. Dispense: La cultura a dispense dispensa dalla cultura.
59. Meglio dallo psicanalista che dal confessore. Per questo è sempre colpa tua, per quello è sempre colpa degli altri.
60. Lunga la fila, stretta la via, fece un sorpasso e... così sia.
61. Sparatevi Breda.
62. L'anima e' una malattia del corpo.
63. La parte preparatoria dei rimorsi, di solito, e' abbastanza piacevole.
64. La signora Colgate? Un attimo, si sta cambiando d'alito.
65. Un caso pietoso commuove, due anche, tre deprimono, dieci amareggiano, cento scocciano, mille rallegrano gli scampati.
66. Il primo abbonato al telefono non sapeva a chi telefonare.
67. Lasciate libero il paesaggio.
68. Errata còccige. (in ‘Sancta publicitas’, 1970)
69. Quanto ho sofferto quando ho saputo che l’inventore dell’alta fedeltà è cornuto.
70. E’ sbagliato raccontar le favole ai bambini per ingannarli, bisogna raccontarle ai grandi per consolarli.
71. Un cretino può scrivere un saggio, ma non viceversa.
72. Mi colpiscono di una donna le stesse parti del pollo: coscia, petto, collo …
73. Nessuno è ateo in trincea.
74. Affogò perché si vergognava a gridare aiuto.
75. Odio bonariamente tutti. (in ‘Il sadico del villaggio’)
76. Oggi tutto non basta più.
77. Se non volete le mosche in cucina, fate la cacca in salotto.
78. "Dio t'assista", senza l'apostrofo, è una bestemmia?
79. La lussuria non è più un lusso.
80. La lussuria si sconta col matrimonio o con la solitudine.
81. Solo una vita sbagliata è interessante.
82. Soltanto un pomodoro su dieci diventa De Rica, gli altri sono buoni.
83. Se non riuscite a fare la cacca, compratela già fatta.
84. Strana mentalità la sua, nega l'immortalità e urla "Li mortacci tua!"
85. Mi sento sotto la cresta dell'onda.

Antonio Albanese

IL FUMO

IL FUMO NUOCE GRAVEMENTE ALLA SALUTE, IL FUMO NUOCE ALLE PERSONE CHE TI CIRCONDANO, IL FUMO PROVOCA MALATTIE CARDIOVASCOLARI, DONNE INCINTE: IL FUMO NUOCE ALLA SALUTE DEL VOSTRO BAMBINO, OGNI ANNO IL TABAGISMO FA PIU' VITTIME DEGLI INCIDENTI STRADALI.
Un fumatore odia sentirsi dire che il fumo fa male. Lo sa, ma odia sentirselo ripetere. Anch'io sono un fumatore, e per questo ho iniziato a selezionare i pacchetti. Quello del cancro è il primo da eliminare, di solito fumo quello delle donne incinte, ma anche delle persone che mi circondano non me ne frega nulla, ma è comunque uno stress.
Sicuramente, come me, anche gli altri fumatori non riusciranno più a godersi la loro sigarettina dopo aver letto simili crudeltà. Perché mettere il coltello nella piaga? E' come andare dai minatori mentre stanno lavorando e cominciare a dirgli: "Ma lo sapete che ogni anno muoiono un sacco di minatori?" "Lo sapete che qui potrebbe anche franare tutto e schiacciarvi?" "Lo sapete che qui sotto respirate gas velenosi e non ne avrete per molto?"
Le sanno sì tutte queste cose, ma lo fanno ugualmente, e non vogliono certo sentirsele ripetere. A questo punto, allora, io voglio vedere scritto su ogni macchina, sui cofani e sulle portiere: "I gas di scarico della vostra macchina provocano smog, quindi tumori e inquinano l'ambiente".
Voglio vedere su tutti i prodotti conservati la scritta: "I conservanti fanno un male cane", sugli alcolici: "L'alcool provoca la cirrosi epatica e altre svariate malattie", sulle mutande di lana: "Queste mutande irritano e vi gratterete il culo per tutta la vita". E invece no, ce l'hanno solo con noi poveri fumatori! Io personalmente pensavo di mettermi in commercio e avrei in mente una speculazione che sicuramente renderebbe moltissimo e che per di più farebbe felici tutti i fumatori: fabbricare dei pacchetti di sigarette con su queste scritte: "CAZZO VUOI CHE TI FACCIA UNA SIGARETTINA OGNI TANTO?". "COME SI FA A DIRE DI NO DOPO IL CAFFE'?". "SEI INCINTA? NO! DIMMELO, SEI INCINTA? NO! E ALLORA FUMA TRANQUILLA!". "OGNI ANNO IL TABAGISMO FA PIU' VITTIME DEGLI INCIDENTI STRADALI? BENE, FUMA GUIDANDO! MEGLIO UNA SIGARETTA OGGI CHE UN INCIDENTE DOMANI".

 

Flavio Oreglio

Ho visto
Ho visto gente vivere in baracche.
Ho visto gente nutrirsi di rifiuti.
Ho visto gente morire per strada.
Che vacanze di merda che ho fatto quest'anno.

Love Story
Un profumo nell'aria.
Dello champagne sulla tavola.
Un vestito sul tappeto...e nel mio letto tu:
cane di merda

Noi
Noi amanti perduti nella tempesta.
Noi amanti battuti dal vento. 
Noi amanti frustati dall'uragano. 
Amore, ma vaffanculo te e il picnic.

Amore
Amore il tuo viso mi ricorda la bellezza scultorea di Poppea.
Amore la tua tenacia mi ricorda la forza eburnea di Cleopatra.
Amore la tua astuzia mi ricorda l'efebica astuzia di Messalina.
Amore, c'hai fatto caso che mi ricordi solo delle grandi puttane?

Certo è difficile crederci...
ma il verde che c'era ormai non c'è più e il grigio ha preso il suo posto.
Certo vorrei non fosse vero ma ciò che c'era prima e ciò che c'è adesso.
La linea è netta.
La linea è irrimediabilmente netta.
Porca puttana mi hanno proprio rigato la macchina.

E' notte
Un gufo mi guarda.
La luna mi sorride.
Le stelle mi parlano e le nuvole creano disegni di ogni tipo. La devo smettere di farmi le canne!!!

Non è stato facile.
Dirti ti amo non è stato facile.
Dirti amore non è stato facile.
dirti addio non è stato facile.
Certo che il cinese è una lingua un po’ del cazzo!!!

Avrei voluto avere...
il tempo di parlarti.
Avrei voluto avere il tempo di conoscerti.
Avrei voluto avere il tempo di capirti, ma dopo due minuti me l'hai data!!!

Amore...
...non ne hai mai abbastanza.
Sono le tre e mi dici spingi.
Sono le quattro e mi dici spingi.
Sono le cinque e mi dici spingi.
Non ce la faccio più.
Tre ore di altalena sono una gran rottura di coglioni!!!

Vedo
Vedo un camoscio e gli stambecchi saltare.
Un'aquila vola in alto e le marmotte zampettano circospette.
Amore, sei sicura che di qui si va a Rimini?

...ieri sera ti cercavo tanto...
...ho provato ovunque...
...ma niente...di te non c'era traccia...
....sono andato a letto senza di te...
....mi sentivo nudo....
e il vento passava sul mio corpo facendomi provare brividi di freddo....
...ma dove eri finito? Pigiama di merda!!

Non piangere cara e cerca di capire.
Mi piace quando mi accarezzi il collo.
Adoro sentire i tuoi buffetti sulle guance.
Bellissimo quando mi copri gli occhi e mi chiedi chi sono.
Però cazzo, quando guido non mi devi rompere i coglioni!!!

Sconsolata
Anna Maria Barbera fa parte del cast del fortunato varietà di Italia 1 Zelig, dove veste i panni di Sconsolata, una flemmatica calabrese immigrata a Torino, stufa della vita caotica della città e del genere maschile...

Oggi e' un altro giorno. Ci vado incontro con leggerezza, come le donne della pubblicità.

Non ho una vita-snella, anzi piuttosto larga.
Non mi sveglio ind''o mulino biango (però girano le pale anghe quì, specie quando il bagno è occupato) e "in quei giorni" non mi langio all'aereo, ma faccio i salti mortali come negli altri.
Mio marito non è un uomo che non deve kiedere mai, anzi kiede spesso... Ieri à kiesto un prestito, ma l'uomo del monte (dei pegni) cià detto no.

A casa mia dove cè Barilla cè caos (di tutto ci mettono in quel mobbile!) e se a tavola ci faccio trovare la zuppa del casale, quattro salti in padella meli fanno fare ammia!
Ammio marito non ciò mai fatto i tortelli di Giovannirana, nè i gnocchi di Nonnamelia, ma sembre i miei. I miei!
Eppure, io ke lo faccio da mangiare per davvero, ca scinni, vaio 'o mercato, scelghi, m'carico e borse, e fino c'arrivu, non dico ke sono dieci piani di morbidezza, ma quattro d'merda sicuro! Neanghe grazie m'dice.

'Nvece, la donna della pubblicità, tutto dverso è. Tu à vidisti "Pezzamore"?...
Ecco, lei si butta nell'acqua, ritorna asciutta, ci apre 'u sacchettu, ci mette a tovaglia e già stanga è... E si pigghia 'u merluzzo d'Santuzzo!
Io, ca tritu, passu, cucino, Savvatore se va bene, rutta per esprimermi l'endusiasmo.

Ma non fnisce qui. Quell'altra, Klaudia Skifer, si gira la testa, ti guarda senza ke nessuno celà kiesto e t'fa: "perkè io valco!". Se valchi non lo so! Però intanto a tia t'danno nove miliardi per baciarti un rospo finto.
Ammia, ke tutte le mattine mi bacio mio marito vero, non mi danno una lira...
Altro ke, CONSIGLI PER GLI ACQUISTI... Datomi i SOLDI PER GLI ACQUISTI!
No ke di qua devo pagare il canone, di là ce MONDIAL CASA ke mi aspetta "Prendi la cornetta..." sono dodici anni ke mi caghi 'u cazz con sta cornetta, se non la finisci prendo la pistola! Non le voglio le pentole a batteria! Non voglio neanghe dormire con l'elefante, ciò già il popotamo affiango.
Lasciami stare! Dormo come cazz voglio io, con gli acari, senza lana pierino, e se m'viene da andare al bagno,la voglio fare normale, nor-ma-le!
Quandocazzomai mi ài sentita fare "plin-plin...".
...End yù?


BY SCONSOLATA



Sito creato da manuscritto.it © 2002 - Tutti i diritti riservati.